I laboratori formativi si sono conclusi con successo

 

 

Lo scorso 28 ottobre si è concluso, dopo una settimana di lavoro, il laboratorio YET a Cagliari.

Ecco il resoconto di queste giornate di formazione scritto da Walter Spiga, uno dei nostri volontari che vi ha preso parte:

 

Si sono conclusi lo scorso ve14855955_1151711981571089_1630277676539482852_onerdì 28 ottobre i laboratori di “YET – Youth Evolution Training”, un progetto di orientamento studio/lavoro per giovani sardi promosso dall’Associazione TDM 2000 e finanziato dall’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna.

 

Ho frequentato questo progetto di orientamento grazie all’Associazione, e mi ha permesso di toccare con mano il mondo del lavoro, cosa estremamente importante per un giovane studente universitario privo di qualsiasi esperienza e che fatica a trovare continuità tra il percorso scolastico e quello lavorativo. In TDM 2000, oltretutto, ho visto il naturale proseguimento della mia carriera universitaria: ho una laurea magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale, per cui quale miglior occasione di mettere a frutto la mia formazione scolastica in una realtà che, tra le tante cose, si occupa anche di cooperazione internazionale?

Questo è il primo progetto col quale ho avuto a che fare dall’inizio del mio periodo di volontariato in TDM 2000. Al suo interno sono stati previsti dei laboratori riguardanti Progettazione e Cittadinanza Attiva, tematiche ben poco note a livello locale ma estremamente utili, specialmente nel contesto Europeo nel quale siamo inseriti. Il workshop è stato pensato con l’obiettivo di formare i giovani sardi nel settore della progettazione Europea, ovvero, in parole povere, il settore che permette l’accesso ai fondi che l’UE destina ai progetti da attuarsi nei territori degli Stati membri.

Il settore è ancora poco praticato nelle periferie dell’Unione Europea, perché spesso si incontrano ostacoli quali la lingua (i bandi sono solitamente scritti in inglese) o la rendicontazione, che potrebbero spaventare i neofiti. Youth Evolution Training ha fornito ai partecipanti le conoscenze necessarie per sfruttare al meglio le opportunità messe a disposizione da Bruxelles.

In particolare, è stato posto l’accento sul programma Erasmus Plus e le cosiddette Azioni Chiave contenute al suo interno. Ci è stata fornita una panoramica chiara e dettagliata di quanto si possa effettivamente mettere in atto all’interno del programma, nonché dettagli sul budget allocato per ogni specifica azione. Oltre agli aspetti tecnici, i membri di TDM 2000 che durante il progetto hanno vestito i panni di trainer si sono prodigati nel fornirci dei suggerimenti pratici per aiutarci a risolvere in maniera rapida i problemi che potrebbero crearsi durante la stesura di un progetto.

YET non è stato pura teoria: siamo stati divisi in gruppi e abbiamo provato in prima persona a scrivere un progetto da implementare all’interno del programma Erasmus Plus, come fossimo degli esperti della progettazione europea. Qui la creatività non ha tardato a manifestarsi: i progetti, per quanto nel loro stato embrionale e mancanti di accorgimenti che solo un esperto del settore può notare, si sono distinti per l’alta qualità e per la recettività dimostrata dai loro stessi creatori nei confronti di quanto discusso durante i moduli teorici.

Il corso di progettazione e cittadinanza attiva è stato per me il primo contatto con la progettazione Europea. Sono molto soddisfatto del modo in cui i trainer hanno pensato e orientato YET, rendendoci ben comprensibile e piacevole una materia che, all’apparenza, può sembrare abbastanza ostica. Ciò che mi ha fatto piacere è stata la responsività dei partecipanti, che, in un altro contesto (ad esempio, le lezioni universitarie) è ben raro da trovare. I giovani presenti, infatti, non si sono posti in maniera passiva, ma anzi sono stati pronti a intervenire, porre domande e chiedere chiarimenti. È stato davvero interessante, e soprattutto piacevole, vedere come l’argomento abbia tirato fuori la curiosità dei partecipanti. In prima persona, posso dire che YET mi ha sicuramente arricchito dal punto di vista professionale. Quello che più mi fa piacere è, però, il fatto che YET mi abbia permesso di confrontarmi con altri ragazzi in maniera attiva, dando spazio anche alla mia crescita personale.”

 

Non perdetevi i prossimi appuntamenti! Presto proseguiremo il nostro tour per la Sardegna per portare le informazioni relative ai programmi che l’UE fornisce per lo studio, il lavoro e la formazione a tutti i cittadini Europei.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...